Come rendere gustoso e saporito il tofu – CINQUE RICETTE

ioDopo ben 4 post dedicati alla fiera SANA e al Veganfest di Bologna, eccone finalmente uno¬†con tante belle ricettine… ūüôā Proprio in occasione della fiera ho tenuto presso lo stand della rivista Funny Vegan un cooking show che aveva come titolo: “Come rendere gustoso il tofu”. Eh s√¨ perch√© i prodotti innovativi e particolari ci piacciono, amiamo i formaggi vegetali di tutti i tipi e i superfoods ma… non dimentichiamoci delle basi, che ancora pochi conoscono in tema di buona e sana cucina vegan. Ad esempio il tofu, chi √® alle prime armi di solito compra una marca qualsiasi, apre la confezione, lo assaggia e…. lo butta nella spazzatura! La verit√† √® che, sebbene sia volgarmente detto “formaggio di tofusoia”, il tofu non √® un formaggio, ovvero non si mangia cos√¨ al naturale come i formaggi! Se a qualcuno piace, ben venga certo, ma si tratta a mio avviso di un alimento di base, che va marinato, insaporito, frullato, saltato, stufato, arrostito, strapazzato… insomma CUCINATO! E, magicamente, assumer√† tutti i sapori e gli aromi che sapremo dargli perch√© √® un prodotto UMILE, che si piega al nostro volere e acquisisce il sapore che vogliamo/sappiamo dargli con la nostra abilit√† e fantasia.

Ecco le prime 3 ricette, semplicissime:
IMG_6384– Tofu strapazzato:¬†Affettate una cipolla e fatela stufare in padella con un po’ d’olio EVO, aggiungete 100 g circa di carote a julienne (sostituibili con peperoni a tocchetti), coprite, versate poca acqua e lasciate che si ammorbidiscano. Unite quindi 200 g di tofu sbriciolato con le mani e lasciate insaporire per qualche minuto. Aggiungete curcuma a piacere e un paio di cucchiai di tamari. Olive a rondelle, pomodori secchi a pezzetti ed erbe aromatiche (origano, maggiorana, salvia, prezzemolo, rosmarino) non sono indispensabili ma consigliati.
IMG_6390– Pat√® di tofu alle olive: Tagliate a pezzi 250 g di tofu e fatelo bollire per 5 minuti circa. Scolatelo, fatelo raffreddare e frullatelo insieme a 80 g circa di olive verdi pesate senza nocciolo, 2 cucchiai di aceto di mele, 2 cucchiai di olio EVO e 4 o 5 cucchiai d’acqua. Varianti: sostituite le olive (la met√† o anche il totale) con capperi sott’aceto oppure con pomodori secchi sott’olio, aggiungete aglio ed erbe aromatiche a piacere. Ottimo spalmato su pane, crostini, crackers, piadine, crudit√® di verdure o per condire la pasta
IMG_5412– Ripieno per torte salate: Cuocete e insaporite a piacere le vostre verdure preferite (spinaci, bietole erbette, broccoletti, zucchine e piselli), alla fine aggiungete del tofu sbriciolato con le mani amalgamandolo alle verdure e dando un tocco di sapore in pi√Ļ con lievito alimentare in scaglie. Ecco un ottimo ripieno per quiche e torte salate. In pratica il tofu in questo caso prende il posto della ricotta che normalmente si usa e il lievito alimentare in scaglie sostituisce il parmigiano.

Chi vuole invece cimentarsi con preparazioni pi√Ļ particolari¬†trova sul blog¬†qui altre ricette interessanti.¬†Da provare anche il tofu affumicato, che a differenza di quello al naturale √® buono da mangiare anche cos√¨ com’√®, magari aggiungendolo a insalate e verdure cotte, ai risotti, alla pasta e a tutti i piatti a cui si vuole dare un tocco fum√©.

Ma veniamo alle 2 ricette che ho mostrato durante il mio cooking show al Sana di Bologna. La prima è in realtà una variante di questa già pubblicata diverso tempo fa:
Copia di tofu 2– Tofu marinato alle erbe aromatiche e arrostito:
(per 4 persone) Tagliate 250 g di tofu a fettine sottili e fatele marinare per qualche ora (da 6 a 8 ore meglio se in frigo) insieme a 2 cucchiai di tamari, 2 cucchiai di olio EVO e tante erbe aromatiche secche a piacere, io ho usato: origano, rosmarino, maggiorana, timo, erba cipollina, salvia. Trascorso il tempo di marinatura arrostite le fettine in una padella antiaderente insieme al loro liquido di marinatura, disponendole su un unico strato, fin quando formano una crosticina croccante. Servite caldo. Ringrazio La Buona Terra Bio per avermi gentilmente fornito gli ottimi e fragranti mini crackers che ho utilizzato per servire gli assaggi durante il cooking show.

Il tofu pu√≤ essere usato anche per preparazioni dolci, ad esempio come base per cheese cake, tiramis√Ļ, ma anche semplicemente per¬†creme dolci di ogni tipo (per le quali si pu√≤ usare anche il “silken tofu” o tofu vellutato, ma non √® indispensabile). Ecco la mia, ottima per farcire torte, crepes o anche da spalmare su pane e fette biscottate:
tofu– Crema dolce di tofu al cacao e nocciola
Fate bollire 200 g di tofu tagliato a pezzettoni per 5 minuti, scolatelo, fatelo raffreddare e poi frullatelo con un minipimer insieme a 30 g di cacao (anche crudo), 100 g di sciroppo d’agave, 60 g di crema (o burro) di nocciole (la trovate online o nei supermercati biologici ben forniti), 5 cucchiai di succo di mela puro, mezzo cucchiaino raso di vaniglia in polvere. In alternativa alla crema di nocciole potete anche usare pari quantit√† di nocciole tostate o sgusciate ma dovrete prima ridurle a crema meglio se con un macina caff√® o macina spezie, altrimenti rimarranno granulose (vedi ad esempio la ricetta della veg-nutella). Ringrazio Vegan Green Love che mi ha gentilmente fornito alcuni degli ingredienti che ho utilizzato al cooking show tra cui il burro di nocciole, il cacao crudo nonch√© le bacche di goji e le banane essiccate per decorare.

 

Crepes arrotolate con maionese di mandorle, carote ed erba cipollina

IMG_6160La ricetta delle crepes vegane √® stata una delle prime che ho pubblicato sul blog (vedi questo post) e ha avuto un grande successo. Adesso l’ho voluta rivisitare rendendola senza glutine e aggiungendo la farina di mais che conferisce maggiore compattezza e gusto. Ne √® venuta fuori una via di mezzo fra una crepe, una tortilla e una piadina sottile, perfetta per arrotolarla e gustarla fredda insieme a verdure di vario tipo e maionese.
Io stavolta ho optato per una¬†maionese di mandorle e semi di girasole che ho trovato molto buona e, se vogliamo, pi√Ļ “sana” rispetto alla classica, in quanto senza aggiunta di olio (per la ricetta della veg-maionese classica invece vedi qui). Le carote ci stanno bene perch√© contrastano con la lieve acidit√† della maionese e danno colore e croccantezza. Se non avete o non trovate l’erba cipollina potete sostituirla con prezzemolo o timo in versione secca e fresca.
Potete preparare la maionese e¬†queste crepes/tortillas/piadine alla sera, l’indomani mattina farcirle e portarle al lavoro per la pausa pranzo, oppure in gita o scampagnata all’aperto come pranzo al sacco, approfittando delle belle giornate di primavera ^_^

Ingredienti per 4 crepes:
60 g farina di ceci
40 g farina di riso
40 g farina di mais fioretto
2 cucchiaini colmi di erba cipollina secca
2 carote medie
sale alle erbe, olio EVO qb

Per la “maionese” di mandorle e semi di girasole:
80 g mandorle pelate ammollate in acqua per almeno 3 ore
40 g semi di girasole ammollati in acqua per almeno 3 ore
120 g acqua
2 cucchiai abbondanti di succo di limone
1 cucchiaino di senape delicata
1 punta di cucchiaino di curcuma
scorza di limone grattugiata 

2 cucchiai pieni di erba cipollina fresca tritata

Preparate la pastella delle crepes mescolando le tre farine insieme con una frusta, poi aggiungete a poco a poco 250 g d’acqua e amalgamate bene in modo che non ci siano grumi. Lasciate riposare per almeno una mezz’ora.
Nel frattempo preparate la maionese: sciacquate e scolate molto bene le mandorle e i semi di girasole e tritateli con un mixer fino ad ottenere un composto piuttosto compatto ma granuloso. Trasferitelo in un bicchiere stretto (quello in dotazione col minipimer va benissimo) e lavoratelo col minipimer insieme all’acqua, il succo di limone, la senape, la curcuma, poca scorza grattugiata e un po’ di sale fin quando avrete un composto liscio e morbido. Regolate di sale e/o succo di limone secondo il vostro gusto. Lasciate riposare in frigorifero.
Prendete la pastella delle crepes e aggiungete un paio di prese di sale e l’erba cipollina secca. Cuocete le crepes in un padellino antiaderente (meglio usare quelli fatti a posta per le crepes) secondo il procedimento che trovate qui. Man mano che le cuocete adagiatele in un piatto piano e lasciatele raffreddare.
Con un pelapatate affilato ricavate dalle carote delle striscioline sottili, tipo “tagliatelle” crudiste per intenderci (in alternativa potete anche grattugiarle con una grattugia a fori grossi) e conditele con poco sale alle erbe e un filino d’olio. Massaggiatele con le mani per ammorbidirle, poi prendete una crepes, spalmatela con un generoso strato di maionese di mandorle, cospargetelo di erba cipollina fresca tritata e adagiate sopra un mucchietto di carote, distribuendole su tutta la superficie ma lasciando liberi i bordi. Arrotolate la crepes ben stretta, tagliatela a met√† e servitela se volete insieme ad una quenelle di maionese avanzata e un insalatina di carote all’erba cipollina, oppure avvolgete con un tovagliolo da cucina e carta stagnola e portate in giro come pranzo al sacco.

Piadina integrale homemade con salsa tartara, fagiolini, pomodorini, mais ecc.

IMG_5655
Domattina presto parto per Bologna per seguire il SANA, Salone Internazionale del biologico e del naturale. C’ero stata anche l’hanno scorso (vedi questo post in proposito) e avevo trovato tutto molto interessante, soprattutto il VEGANFEST, grande padiglione all’interno della fiera, tutto dedicato al mondo vegan. Quest’anno per√≤ √® diverso Testata6Bloggerperch√© sar√≤ una delle blogger ufficiali della manifestazione e seguir√≤ i vari eventi, conferenze, showcooking, presentazioni ecc. in tempo reale, commentandoli con post e foto sulla mia pagina Facebook. Ovviamente sul blog far√≤ poi un bel reportage completo (magari anche due) sulla fiera e su ci√≤ che mi ha colpito o che mi √® piaciuto di pi√Ļ. Sono molto contenta di essere stata scelta, sar√† certo una bella maratona, ma non vedo l’ora!
Ora vi lascio una ricettina semplice ma, come al solito, molto golosa (giusto perch√© stasera mi sentivo in vena di piadina romagnola, ovviamente autoprodotta e opportunamente rivisitata ūüôā ) e ci vediamo al SANA! Se non ci sarete seguitemi sulla pagina Facebook e sul blog!

Ingredienti per 4 piadine:
250 g farina integrale bio (anche di farro)
130 ml circa d’acqua tiepidaIMG_5656
1 punta di cucchiaino di bicarbonato oppure di cremor tartaro (o tutti e due)
7 g sale fino

Ingredienti per la salsa tartara:
una dose di maionese veg fatta secondo questa ricetta)
4 cetriolini sott’aceto (o in agrodolce)
1 cucchiaio di capperi sott’aceto
4 olive verdi denocciolate
un mazzetto d’erba cipollina
una manciata di prezzemolo fresco

Per le piadine:
Mescolate la farina col bicarbonato e/o il cremor tartaro e con il sale, poi unite a filo l’acqua impastando con le mani fino a formare un impasto bello morbido che farete riposare in una ciotola per mezz’ora ricoperto con un panno umido o da pellicola trasparente (per evitare che si IMG_5649secchi a contatto con l’aria). Trascorso la mezz’ora di riposo riprendete l’impasto e dividetelo in 4 palline da circa 100 g ciascuna, stendetele con un mattarello piuttosto sottili cercando di dare loro una forma pi√Ļ regolare possibile. Scaldate bene una padella a fuoco vivace e cuocete le piadine da entrambi i lati per pochi minuti bucherellandole con una forchetta facendo attenzione che non si brucino.
Per la salsa tartara:
Preparate la maionese secondo la ricetta che trovate qui¬†lasciando la maionese nel boccale del minipimer o del frullatore. Poi unite i cetriolini e le olive a pezzetti e i capperi sciacquati e ben strizzati e date un’altra frullata. Ponete la salsa in un contenitore e unite l’erba cipollina e il prezzemolo tritati molto fini. Riponete in frigorifero fino all’utilizzo.
Farcite le piadine con abbondante salsa, foglie di lattuga, pomodorini, fagiolini cotti al vapore, olive a rondelle e chicchi di mais, ma potete variare le verdure a piacere.
PS: potete scegliere se farcire e chiudere le piade alla maniera classica oppure presentarle aperte su un piatto da mangiare con coltello e forchetta.

Pasta brisé per quiche e torte salate

IMG_5412Dopo aver provato questa ricetta non comprerete mai pi√Ļ paste sfoglie, bris√© e simili gi√† pronte, ve lo assicuro! E’ facile e veloce, senza lievito, margarina n√© burri vari e potete usare la farina che pi√Ļ vi piace, io consiglio la T2 (semintegrale) o, in alternativa, met√† farina 0 e met√† integrale, ma vanno bene anche la farina di farro o di kamut, insomma sperimentate!¬†Per il ripieno consiglio di usare come base la ricotta di soia autoprodotta (ricetta qui) a cui potete aggiungere tutte le verdure che volete: zucchine, piselli, cipolle, porri, spinaci, bietole, radicchio, peperoni, melanzane ecc.
Ingredienti per una quiche media:
200 g farina T2 (semintegrale) o quella che preferite (ma vivamente sconsigliata la 00)
60 g olio EVO
60 g acqua
5 g sale

Mescolate in una ciotola la farina con il sale. Poi unite l‚Äôolio e dopo l‚Äôacqua impastando con le mani fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo che lascerete riposare coperto in frigo per una ventina di minuti. Stendete la pasta mediamente sottile e disponetela su una teglia spennellata con poco olio e infarinata, fatela aderire bene ai bordi e agli angoli, bucherellatela bene con una forchetta, farcitela con ripieno a piacere e infornate a 180 gradi per una mezz’ora circa.

Quiche alla zucca con farina di ceci e rosmarino


La zucca √® uno dei pochi motivi per cui mi piace l’autunno :-). La adoro e la cucino in tutti i modi, anche semplicemente cotta al vapore o al forno e condita con poco olio e¬†sale. Quando √® di stagione la uso molto per cui preparatevi ad una sfilza di ricette monotematiche! Ovviamente non mancher√† la variet√† dei piatti e degli abbinamenti, ad esempio¬†zucca e ceci secondo me¬†√® una coppia¬†vincente.
Per la base di questa quiche, molto diversa da quella di ricotta, zucchine e piselli che ho pubblicato qui, ho usato la farina di ceci e non ho aggiunto olio, per cui è rimasta molto leggera, croccante ai bordi e piuttosto morbida sotto.

Ingredienti per una teglia piccola (2 persone):
Per la base:
150 g farina di ceci
50 g farina integrale
5 g sale
80 g acqua
Per il ripieno:
300 g zucca pesata già pulita
1 cipolla piccola
2 cucchiai di panna vegetale¬†(d’avena o di miglio)
un rametto di rosmarino fresco
olio EVO

Preparate la base amalgamando insieme le due farine e il sale, unite l’acqua e impastate bene, formate una palla che lascerete riposare in frigo coperta per almeno mezz’ora. Nel frattempo tagliate la cipolla a pezzettini e la zucca a dadini. Fate dorare la cipolla in un po’ d’olio insieme al rametto di rosmarino intero, dopo unite la zucca, rosolatela per¬†un minuto e aggiungete¬†circa 70 ml d’acqua. Togliete il rosmarino, coprite e cuocete sin quando la zucca si¬†sar√† quasi spappolata e l’acqua completamente asciugata. Poi aggiungete la panna, aggiustate di sale, lasciate asciugare¬†ancora un po’ e frullate a crema.
Pendete la pasta dal frigo e spianatela piuttosto sottile con un mattarello (infarinate il piano con poca farina se si dovesse appiccicare). Stendetela su una teglia ricoperta di carta forno e ritagliate gli eventuali eccessi di pasta che terrete da parte per la decorazione. Bucherellatela con una forchetta e infornatela senza ripieno a 200 gradi per 10 minuti. Poi estraetela, farcitela con la crema di zucca, decoratela con i ritagli di pasta e con aghi di rosmarino e rimettetela in forno a 180 gradi ancora per 10 minuti circa (regolatevi voi per la cottura perché ogni forno è diverso).

Pizza semintegrale con farina di grano duro e “besciarella” autoprodotta


Dopo la pasta fatta in casa un’altra grande soddisfazione: la pizza!
Allora, partiamo dall’inizio: √® da una vita che voglio fare una buona pizza, ma con quale farina? E la mozzarella? Col solo pomodoro proprio non riesce a piacermi! Non volevo usare la farina di grano tenero 0 perch√® troppo raffinata¬†e l’integrale, con il suo vago sentore¬†leggermente amarognolo, ottimo¬†per il¬†pane, non mi convinceva del tutto per la pizza.¬†Ho pensato allora di¬†mischiarla con¬†la¬†farina di grano duro (molto usata in Sicilia per pizze e focacce, come le tipiche “scacce” ripiene) che tra l’altro¬†d√† consistenza e croccantezza. Per quanto riguarda la mozzarella, la migliore soluzione √® stata la pi√Ļ semplice:¬†niente pi√Ļ che una besciamella piuttosto densa e insaporita con un po’ di dado vegetale. Vi assicuro che il risultato √® stato davvero soddisfacente!

Ingredienti per due pizze grandi:
200 g farina di grano tenero integrale
300 g farina di grano duro
300 g acqua tiepida
8 g lievito di birra secco
un cucchiaino raso di zucchero di canna

40 g olio EVO
14 g sale
Per farcire:
500 ml latte di soia non dolcificato
40 g maizena
3 o 4 cucchiai d’olio EVO

1 cucchiaino di dado vegetale bio
400 g passata di pomodoro, origano

Sciogliere il lievito e lo zucchero¬†in un pochino dell’acqua prevista e aspettare che si formi¬†in superficie un patina schiumosa bianca (indica che il lievito si √® attivato). Nel frattempo mischiare le due farine, il sale e l’olio e iniziare ad impastare con l’acqua. Poi aggiungere il lievito e continuare ad impastare energicamente per una decina di minuti, la pasta dovr√† essere compatta e soda. Far lievitare coperta da un telo inumidito al riparo da eventuali correnti d’aria, io l’ho messa dentro il forno spento.¬†Aspettare almeno un paio d’ore e comunque fino a quando avr√† raddoppiato il suo volume. Trascorso questo tempo stenderla con un mattarello, disporla¬†nelle teglie e lasciarla lievitare ancora un’oretta.
Intanto mettere la passata di pomodoro (consiglio la¬†Mutti, per me √® la migliore) in un colino a maglie strette per far scolare l’acqua contenuta in eccesso (si pu√≤ anche evitare di farlo ma aiuta a renderla pi√Ļ concentrata e meno liquida). Poi preparare la “besciarella” facendo scaldare in un pentolino l’olio. Fuori dal fuoco aggiungere la maizena e amalgamare bene fino a formare una pastella. Rimettere sul fuoco e unire a poco a poco il latte mescolando energicamente per sciogliere¬†i grumi¬†(se ne dovessero rimanere dare una passata col minipimer). Unire il dado (il mio √® biologico e¬†100% naturale), assaggiare per controllare la sapidit√† e far bollire a fiamma vivace¬†un paio di minuti, poi¬†spegnere il fuoco e fare intiepidire¬†mescolando ogni tanto.
Condire le pizze con la passata, la “besciarella”, una generosa spruzzata di origano e infornare a 225 gradi per¬†circa 10¬†minuti.¬†A piacere¬†un filo d’olio EVO¬†a crudo.
E s√¨… da questo punto di vista sono proprio italiana, pasta e pizza per me sono irrinunciabili!

Quiche di ricotta, zucchine e piselli


Volevo¬†preparare una bella torta salata utilizzando la mia ricottina autoprodotta, ma non mi andava di utilizzare la pasta sfoglia o bris√© gi√† pronta, perch√®, anche se vegan,¬†√® comunque fatta¬†con farina raffinata e margarina o grassi idrogenati che cerco sempre di evitare. Allora, sul pacchetto di farina¬†semintegrale di Ecor, ho trovato questa ricetta che ovviamente ho modificato e adattato a mio piacimento… ūüôā

Ingredienti per 3/4 persone:
Per la pasta:

170 g farina T2 (semintegrale)
25 g sesamo
5 g sale
9 g lievito istantaneo per torte salate
50 g olio EVO
50 g acqua
una manciata di maggiorana (fac.)

Per il ripieno:
130 g ricotta di soia
100 g zucchine
80 g piselli cotti
20 g olio EVO

uno spicchio d’aglio
una manciata di prezzemolo
sale alle erbe (fac.)

Preparate prima il ripieno facendo soffriggere brevemente con l’olio l’aglio e il prezzemolo tritati. Unite le zucchine tagliate a dadini e, quando si saranno ammorbidite, i piselli (aggiungete eventualmente un goccio d’acqua). Lasciate insaporire un paio di minuti, spegnete il fuoco e aggiungete la ricotta. Mescolate e aggiustate di sale, meglio se alle erbe (io suo quello della Rapunzel che trovo ottimo).
Per la pasta:¬†in una scodella mischiate¬†bene la farina con¬†il lievito, il sesamo, il sale e una manciata di maggiorana fresca tritata. Emulsionate l’olio con l’acqua e versate sulla farina impastando velocemente con le mani. La pasta rimarr√† molto morbida. Collocatela tra due fogli di carta forno e spianatela con un mattarello, fino allo spessore di circa 6/7 mm. Eliminate il foglio superiore e disponete su una teglia (in questo caso ne ho usata una di 20 cm, se la preferite pi√Ļ sottile usatene una un po’ pi√Ļ grande). Bucherellate la pasta con una forchetta, farcite con il ripieno e infornate a 180 g per circa mezz’ora.
PS: per una gustosa variante invernale sostituite alle zucchine e ai piselli 200 g di broccoletti, facendoli cuocere allo stesso modo ma aggiungendo un filo d’acqua che poi dovr√† asciugare completamente. Il risultato finale nella foto sopra.

Crespelle estive ripiene di bietole al pomodoro

Ho gi√† postato un po’ di tempo fa la ricetta delle crepes con farina di ceci, facili, buone e leggere. Questa √® una versione estiva che ho offerto come secondo alla cenetta preparata ieri sera per il mio papi e il mio fidanzato. Il bello¬†di queste crepes o crespelle √® che vanno bene sia come primo, magari disposte¬†su una teglia, coperte di besciamella e gratinate in forno, sia come secondo, farcite di verdure, legumi e/o tofu e condite con un filo d’olio o spennellate con qualche salsina…

Ingredienti per circa 6 crespelle grandi:
100 g farina di ceci
50 g farina integrale o semintegrale
300 ml acqua fredda
2 piatti di bietole erbette lessate
3 spicchi d’aglio
4 pomodori perini
olio EVO
una tazzina di concentrato di pomodoro
prezzemolo fresco

Preparate la pastella mescolando la farina di ceci¬†con¬†quella integrale e poi versando l’acqua e amalgamando bene con una frusta. Aggiungete un bel pizzico di sale e lasciate riposare almeno mezz’ora. Nel frattempo soffriggete l’aglio tritato in olio EVO, unite i pomodori spellati a pezzetti, lasciate restringere il sughetto e poi unite le bietole ben scolate e tagliuzzate. Fate insaporire e asciugare.
Poi preparate le crepes secondo il procedimento che ho descritto qui e farcitele con le bietole al pomodoro. Per il “topping” mescolate il concentrato di pomodoro (a mio parere il Mutti √® il migliore) con un paio di cucchiai d’olio EVO saporito e un po’ d’acqua.¬† Versate sopra e cospargete di prezzemolo tritato. Servite tiepide.

Crepes senza latte e senza uova

Le crepes sono delle frittatine molto sottili a base di farina, uova e latte cotte su una¬†piastra o padella unta con un velo di burro o olio….
La versione vegetale non ha assolutamente nulla da invidiare a quella classica, anzi, a mio parere¬†risulta pi√Ļ saporita e soprattutto molto pi√Ļ leggera, nonch√® adatta a qualsiasi ripieno dolce o salato.

Ingredienti per circa 8 crepes
100 g farina di ceci
50 g farina integrale
300 ml di acqua fredda
un pizzico di sale

Amalgamate le due farine in una terrina e aggiungete a filo l’acqua¬†mescolando fino ad ottenere un impasto omogeneo, deve risultare una pastella semiliquida, aggiungete un bel pizzico di sale e lasciate riposare per¬†almeno mezz’ora.
Nel frattempo preparate il ripieno affidandovi alla fantasia!
IMG_5415Vi d√≤ un suggerimento: un piccolo cespo di insalata pan di zucchero (ma va bene anche il radicchio rosso), due manciate¬†di zucca a cubetti, una cipolla e 100 g di tofu cremoso. Si soffrigge la cipolla con olio EVO, si aggiunge la zucca e dopo un po’ il tofu sbriciolato e il pan di zucchero o il radicchio tagliato a listarelle.
Ma ritorniamo alle crepes. Trascorsa la mezz’ora di riposo riprendete la pastella delle crepes e¬†ungete una padella antiaderente di dimensioni medie. Attenzione a non mettere troppo olio, la padella¬†deve essere appena unta, meglio usare un pennello o della carta da cucina imbevuta d’olio. Fate scaldare bene la padella sul fuoco (deve essere molto calda) e versate il primo mestolino di pastella (non pieno ma riempito a circa due terzi). Versatelo al centro della padella e poi subito inclinatela e ruotatela in modo da distribuire il composto uniformemente (in alternativa si pu√≤ usare anche l’apposito attrezzo a forma di T rovesciata). Quando si √® solidificata infilate sotto la crepe una palettina di plastica flessibile facendo attenzione a non romperla, staccatela,¬†rigiratela e cuocetela anche dall’altro lato. Adagiatela su un piatto e ripetete l’operazione fino a esaurimento del composto. Una volta pronte farcitele col ripieno ancora caldo e ripiegatele a mezza luna, potete cospargerle di prezzemolo, sesamo ed erba cipollina (come nella foto sopra) e mangiarle subito oppure allineatele in una teglia, ricopritele a piacere con un po’ di panna¬†di soia¬†o besciamella veg¬†e infornatele per 5 o 10 minuti.